Advertisement

Vivere per sempre

  • Roberto Manzocco
Part of the I Blu - Pagine Di Scienza book series (BLU)

Riassunto

Visto che si tratta di un capitolo sulla morte e sull’umana ricerca dell’immortalità, ci sarebbe venuto spontaneo iniziarlo, in modo un po’ retorico, con un riferimento al “sogno della vita eterna che da sempre ha animato gli esseri umani da Gilgamesh in poi”, sull’Albero della Vita del Giardino dell’Eden, sul mito di Prometeo e via dicendo. Niente che non sappiate già, comunque; proprio per questo vorremmo invece partire con qualcosa di diverso, e di cui probabilmente non avete sentito parlare, ossia la “gestione del terrore”.

Preview

Unable to display preview. Download preview PDF.

Unable to display preview. Download preview PDF.

Referenza

  1. 1.
    E. Becker, The Denial of Death, Simon & Schuster, New York 1973.Google Scholar
  2. 2.
    Cfr. J. Greenberg, T. Pyszczynski, S. Solomon, The causes and consequences of a need for selfesteem: A terror management theory, in: F. Baumeister (a cura di), Public self and private self, Springer-Verlag, NewYork 1986, pp. 189–212. Inoltre: Ibid., A terror management theory of social behavior: The psychological functions of self-esteem and cultural worldviews, in: «Advances in experimental social psychology», 24(93), Springer-Verlag, New York 1991, p 159.CrossRefGoogle Scholar
  3. 3.
    Per esempio si potrebbe obbiettare, con Abraham Maslow, che l’individualità si manifesta pienamente proprio nell’atto del resistere al processo di acculturazione messo in atto dal nostro contesto socio-culturale. Cfr. A. Maslow, Verso una psicologia dell’essere, Astrolabio-Ubaldini, Roma 1971.Google Scholar
  4. 4.
    S. Cave, Immortality: The Quest to Live Forever and How It Drives Civilization, Crown Publishers, New York 2012.Google Scholar
  5. 5.
    E. Boncinelli e G. Sciarretta, Verso l’immortalità: la scienza e il sogno di vincere il tempo, Raffaello Cortina, Milano 2005.Google Scholar
  6. 6.
    Gerald Joseph Gruman, A History of Ideas About the Prolongation of Life, Springer Publishing Company, New York 2003.Google Scholar
  7. 7.
    Cit. in: B. Appleyard, How to live forever or die trying, Simon & Schuster, Londra 2007, p. 108.Google Scholar
  8. 8.
    Fenomeno studiato — e battezzato — per la prima volta dagli americani Chester Southam e John Ehrlich nel 1943.Google Scholar
  9. 21.
    Michael D. West, The Immortal Cell: One Scientist’s Quest to Solve the Mystery of Human Aging, Doubleday, New York 2003.Google Scholar
  10. 23.
    Un buon ritratto di De Grey lo trovate in: Johnatan Weiner, Long for this world. The strange science of immortality, Harper Collins, New York 2010.Google Scholar
  11. 24.
    Aubrey de Grey, Michael Rose, Ending Aging. The Rejuvenation Breakthroughs That Could Reverse Human Aging in Our Lifetime, St. Martin Press, New York 2007.Google Scholar
  12. 27.
    Anche la “teoria dell’invecchiamento causato dal danneggiamento del DNA” ha i suoi seguaci, e nel corso degli anni ha raccolto un numero crescente di prove sperimentali. Cfr. per esempio C. Bernstein e H. Bernstein, Aging, Sex, and DNA Repair, Academic Press, San Diego 1991.Google Scholar
  13. 34.
    R. Kurzweil, T. Grossman, Fantastic Voyage: Live Long Enough to Live Forever, Rodale Books, Emmaus 2004.Google Scholar
  14. 35.
    T. Grossman Ibid., Transcend: Nine Steps to Living Well Forever, Rodale Books, Emmaus 2004.Google Scholar
  15. 36.
    I sogni lucidi sono sogni in cui il soggetto è consapevole di star sognando e può anzi pilotare il proprio sogno, utilizzandolo per vari scopi. Dopo vari resoconti annedotici, l’esistenza dei sogni lucidi è stata provata per la prima volta scientificamente negli anni Settanta da Stephen LaBerge, ricercatore dell’Università di Stanford, il quale ha anche sviluppato tecniche specifiche per facilitare la produzione e la fruizione di tali fenomeni onirici. Cfr. S. LaBerge e H. Rheingold, Exploring the World of Lucid Dreaming, Ballantine Books, New York 1991.Google Scholar

Copyright information

© Springer-Verlag Italia 2014

Authors and Affiliations

  • Roberto Manzocco

There are no affiliations available

Personalised recommendations