Advertisement

Tabacco

  • Noeline Latt
  • Katherine Conigrave
  • John B. Saunders
  • E. Jane Marshall
  • David Nutt

Riassunto

Nei paesi occidentali, il fumo di sigaretta ha raggiunto la sua massima diffusione negli anni ’40 e ’50, quando è documentato che fumassero il 75% degli uomini e il 30% delle donne. Da allora, queste percentuali sono diminuite molto in risposta alle intense campagne promosse dalla Sanità Pubblica e dalla legislazione; ad esempio, in Australia e in alcuni paesi scandinavi la prevalenza è al 16–20% sia per gli uomini sia per le donne. Altrove in Europa la prevalenza del fumo raggiunge circa il 50%, mentre nel sud-est asiatico e nell’Asia dell’est la prevalenza è aumentata notevolmente, più tra gli uomini, anche se negli Ultimi 2–3 decenni sempre più donne fumano. L’Asia è un bersaglio molto appetibile per le campagne di marketing promosse dall’industria del tabacco. Più del 50% degli uomini in Asia fumano ancora oggi: per ogni tre sigarette fumate nel mondo, una è in Cina, dove si dice che esistano più di 1000 marchi di sigarette. Uno status socioeconomico basso è un fattore di rischio molto importante che condiziona il consumo di sigarette nei paesi sviluppati. Anche in Australia, con una bassa prevalenza generale, alcune comunità indigene isolate e svantaggiate hanno un tasso di consumo dell’80%.

Preview

Unable to display preview. Download preview PDF.

Unable to display preview. Download preview PDF.

Letture consigliate

  1. Treating tobacco use and dependence. Clinical practice guideline. U.S. Department of Health and Human Services, June 2000. Full text available at www.surgeongeneral.gov/tobacco/default.htmGoogle Scholar

Copyright information

© Springer-Verlag Italia 2014

Authors and Affiliations

  • Noeline Latt
    • 1
  • Katherine Conigrave
    • 2
  • John B. Saunders
    • 3
  • E. Jane Marshall
    • 4
  • David Nutt
    • 5
  1. 1.Dipartimento per l’alcol e le droghe, Royal North Shore Hospital, Facoltà di MedicinaUniversità di SidneyAustralia
  2. 2.Servizio sanitario per i disturbi correlati all’uso di sostanze, Royal Prince Alfred Hospital, Facoltà di MedicinaUniversità di SidneyAustralia
  3. 3.Facoltà di MedicinaUniversità di SidneyAustralia
  4. 4.Fondazione South London e Maudsley NHS e Istituto di Psichiatria, King’s CollegeLondraRegno Unito
  5. 5.Unità di PsicofarmacologiaUniversità di BristolRegno Unito

Personalised recommendations