Advertisement

Innovazione e miglioramento della qualità dei trattamenti nei Servizi di Salute Mentale

  • G. CeratiEmail author
  • M. Percudani

Riassunto

Negli ultimi anni, in molte Regioni italiane gli indirizzi di politica sanitaria e la programmazione in tema di salute mentale hanno mostrato sviluppi significativi (QUIP, 2012). Tali sviluppi sono avvenuti principalmente in due aree. In primo luogo nell’area dell’integrazione, rispetto alla quale, di fronte a una pluralità di soggetti e di attori con diversi compiti nell’ambito della tutela della salute mentale, il Dipartimento di Salute Mentale (DSM) è diventato protagonista di sinergie e promotore di integrazione culturale oltre che fornitore dei servizi di cura e assistenza. Un altro ambito, forse ancora più significativo, riguarda la revisione dei percorsi di cura. In tale area si sono avviate le più importanti azioni di riorganizzazione: la differenziazione dei percorsi di cura territoriali, il riordino del sistema residenzialità, l’avvio di iniziative progettuali riguardanti, per esempio: l’intervento precoce nelle psicosi, la riabilitazione psicosociale, i disturbi emergenti.

Preview

Unable to display preview. Download preview PDF.

Unable to display preview. Download preview PDF.

Bibliografia

  1. Angelozzi A, Biffi G, Cappellari L et al (a cura di) (2012) Conferenze Nazionali delle Sezioni Regionali della Societa Italiana di Psichiatria. QUIP (Quaderni Italiani di Psichiatria) XXXI:Suppl 3Google Scholar
  2. BURL (Bollettino Ufficiale Regione Lombardia) (2004a) Piano Regionale Triennale per la salute mentale in attuazione del PSSR 2002–2004. Milano, 10 giugno 2004Google Scholar
  3. BURL (Bollettino Ufficiale Regione Lombardia) (2004b) Bando di invito per la presentazione di programmi innovativi per la salute mentale. Milano, 20 luglio 2004Google Scholar
  4. BURL (Bollettino Ufficiale Regione Lombardia) (2009) Determinazioni in ordine alla gestione del servizio sanitario regionale per l’esercizio 2009. Milano, 16 dicembre 2008. Allegato 11: Sviluppo e innovazione in psichiatria: linee di indirizzo triennaliGoogle Scholar
  5. Cerati G (2010) Case management psichiatrico, sussidiarietà dei servizi, integrazione degli interventi. In: Rabboni M (ed) Case management in psichiatria. Un percorso di valorizzazione delle professioni sanitarie. Update International Congress Edizioni, MilanoGoogle Scholar
  6. Cerati G, Percudani M, Petrovich L (2005) Una nuova prospettiva per la salute mentale: il Piano Regionale Lombardo (A new perspective for mental health. The Lombardy Regional Mental Health Plan). Journal of Medicine and the Person 3:71–73Google Scholar
  7. Guay J (2000) Il case management comunitario. Liguori Editore, NapoliGoogle Scholar
  8. Percudani M (2010) Sperimentare l’integrazione sul campo: modelli innovativi alla prova. Atti del Convegno “Il Fattore Umano: l’incontro tra paziente e operatore, la speranza, i modelli psicosociali di cura”, Peschiera del Garda (VR), pp 125-131Google Scholar
  9. Percudani M, Cerati G, Angelozzi A, Gruppo di lavoro SIP (2012) I modelli regionali nelle politiche di salute mentale. Sistema Salute 56:192–204Google Scholar
  10. QUIP (Quaderni Italiani di Psichiatria) (2012). A cura di: Angelozzi A, Biffi G, Cappellari L et al. Conferenze Nazionali delle Sezioni Regionali della Società Italiana di Psichiatria. Volume XXXI, Supplemento n. 3Google Scholar
  11. Zapparoli GC (2002) La follia e l’intermediario. Dialogos Edizioni, MilanoGoogle Scholar

Copyright information

© Springer-Verlag Italia 2013

Authors and Affiliations

  1. 1.Dipartimento Salute Mentale, UO PsichiatriaAzienda Ospedaliera Ospedale Civile di LegnanoMagenta (MI)Italy

Personalised recommendations