Advertisement

La situazione attuale della donazione di midollo osseo

  • Paola De AngelisEmail author
  • Loredana Ranni

Riassunto

In tutte le malattie del midollo osseo, che siano di natura neoplastica (come leucemie acute e croniche, mieloma, mielodisplasie), non neoplastica (aplasia midollare) o congenita (talassemia, drepanocitosi, anemia di Fanconi), il difetto di base colpisce sempre la cellula staminale emopoietica. Come è noto, le proprietà fondamentali di tale cellula sono da un lato maturare nel microambiente midollare e dare origine alle tre linee cellulari normali (globuli rossi, globuli bianchi, piastrine), e dall’altro rigenerare se stessa mantenendo così il sistema sempre attivo. Altra importantissima funzione della cellula staminale emopoietica (che riveste un ruolo fondamentale nel trapianto di midollo osseo) è “commissionare” il sistema immunitario dell’individuo. Come per ogni altro tipo di trapianto, quello di midollo osseo ha l’obiettivo di sostituire un organo malato, anche se — in questo caso — non si tratta di un organo ma di un tessuto con la caratteristica di essere distribuito in tutte le ossa sedi di midollo emopoietico; il trapianto ha dunque l’obiettivo di sostituire la cellula staminale malata del paziente.

Copyright information

© Springer-Verlag Italia 2011

Authors and Affiliations

  1. 1.ADMO Federazione Italiana OnlusItaly

Personalised recommendations