Advertisement

Symbolic Domination and Active Power: Female Roles in Criminal Organizations

  • Alessandra Dino
Part of the STUDIES IN ORGANIZED CRIME book series (SOOC, volume 5)

Abstract

The theme of the power and symbolic domination exercised bywomen inside mafia organizations is rather difficult to tackle, given the scarcity of available sources and lack of existing literature on the subject. Among the many possible approaches for its study,wehave chosen one that specifically examines the field of communication, asserting that the public image ofwomen from the mafia underworld is constructed and modified precisely through the exchange of communication, both inside and outside the organization.

Keywords

Organize Crime Criminal Organization Female Role State Witness Female Presence 
These keywords were added by machine and not by the authors. This process is experimental and the keywords may be updated as the learning algorithm improves.

Preview

Unable to display preview. Download preview PDF.

Unable to display preview. Download preview PDF.

References

  1. “Associazione per delinquere—concorso—differenziale del favoreggiamento—(cod. pen., art. 248, 225 and 63). Seconda Sezione 27 novembre 1903,” Rivista Penale, LIX (1904), 581–584.Google Scholar
  2. AA.VV., Dal materno al mafioso. Ruoli delle donne nella cultura delle mafie Atti del Convegno tenutosi a San Gimignano il 30 e 31 ottobre 1994 [From Maternal to Mafioso. Roles of Women in Mafia Cultures. Acts of the San Gimignano Conference, 30–31 October 1994]. Florence: Edizione Regione Toscana, 1996.Google Scholar
  3. Barbagli, M., and Gatti, U. La criminalità in Italia. Bologna: Il Mulino, 2002.Google Scholar
  4. Bourdieu, P. Sulla televisione. Milan: Feltrinelli, 1996.Google Scholar
  5. Bourdieu, P. La domination masculine, Paris: Édition du Seuil, 1998.Google Scholar
  6. Campelli, E., et al. Donne in carcere. Milan: Feltrinelli, 1992.Google Scholar
  7. Cornelisen, A. Women of Shadows. The Wives and Mothers of Southern Italy. New York: Vintage Books, 1977.Google Scholar
  8. Corso, P. “I contenuti e la passione di questo incontro: ‘Alle donne non è consentita l'aggressività”’ [“The content and passion of this meeting: ‘Women are not permitted aggressivity”’]. In AA. VV, Dal materno al mafioso. Ruoli delle donne nella cultura delle mafie. Atti del Convegno tenutosi a San Gimignano il 30 e 31 ottobre 1994 [From Maternal to Mafioso. Roles of Women in Mafia Cultures. San Gimignano Conference, 30–31 October 1994]. Florence: Edizione Regione Toscana, 1996: 17–36.Google Scholar
  9. Dalla Chiesa, N., “Silenzi e manipolazioni della grande stampa,” Micromega, 4 (1988), 35–46.Google Scholar
  10. Dal Lago, A., Non-persone. L'esclusione dei migranti in una società globale. Milan: Feltrinelli, 1999.Google Scholar
  11. Dal Lago, A., La produzione della devianza. Teoria sociale e meccanismi di controllo. Verona: Ombre Corte, 2000.Google Scholar
  12. Dal Lago, A., and R. De Biasi, eds. Un certo sguardo. Introduzione all'etnografia sociale. Rome: Laterza, 2002.Google Scholar
  13. de Cataldo Neuburger, L., ed. Chiamata in correità e psicologia del pentitismo nel nuovo processo penale. Padua: Cedam, 1992.Google Scholar
  14. de Cataldo Neuburger, L. La criminalità femminile tra stereotipi culturali e malintese realtà. Padua: Cedam, 1996.Google Scholar
  15. Di Lorenzo, S. La grande madre mafia. Psicoanalisi del potere mafioso. Parma: Pratiche Editrice, 1996.Google Scholar
  16. Di Maria, F., and G. Lavanco. “Mafia e codici familiari. L'ombra della madre,” Psicologia Contemporanea, n. 155 (September/October 1999), 28–35.Google Scholar
  17. Dino, A. “La mafia nei silenzi e nelle parole delle donne,” Segno, XXII, n. 172 (February 1996), 36–56.Google Scholar
  18. Dino, A. “Donne, mafia e processi di comunicazione,” Rassegna Italiana di Sociologia, XXXIX, n. 4 (1998), 477–512.Google Scholar
  19. Dino, A. “Donne di Cosa Nostra,” Nuove Effemeridi, XIII, n. 50 (2000/II), 74–91.Google Scholar
  20. Dino, A. “Ritorno a Mafiopoli. Conversazione con Felicia Bartolotta Impastato,” Meridiana, n. 40 (2001), 43–73.Google Scholar
  21. Dino, A. Mutazioni. Etnografia del mondo di Cosa Nostra. Palermo: La Zisa, 2002.Google Scholar
  22. Dino, A., and A. Meli. Silenzi e parole dall'universo di Cosa Nostra. Il ruolo delle donne nella gestione dei processi di comunicazione. Palermo: Sigma Edizioni, 1997.Google Scholar
  23. Faccioli, F. “L'immagine della donna criminale,” Dei Delitti e delle Pene, I, n. 1 (1983), 110–133.Google Scholar
  24. Faccioli, F. I soggetti deboli. Milan: Franco Angeli, 1990.Google Scholar
  25. Faccioli, F. Regolazione e devianza. Sociologia e questione criminale in Italia. Milan: Franco Angeli, 1991.Google Scholar
  26. Fiandaca, G. “La discriminante sessuale tra paradigmi giudiziari e paradigmi culturali.” Segno, XXIII, n. 183 (March 1997), 19–28.Google Scholar
  27. Foucault, M. Le parole e le cose. Milan: Rizzoli, 1970. First published 1966.Google Scholar
  28. Foucault, M. Sorvegliare e punire. Nascita della prigione. Turin: Einaudi, 1976. First published 1975.Google Scholar
  29. Foucault, M. Microfisica del potere. Turin, Einaudi, 1977.Google Scholar
  30. Frossard, D. “Il ruolo delle donne nella criminalità organizzata in Brasile,” Palermo 2002. English translation, “Women in organized crime in Brazil,” this book.Google Scholar
  31. Gilinsky, Y. “Il ruolo delle donne nella criminalità organizzata in Russia,” Palermo, 2002. English translation, “Women in organized crime in Russia,” this book.Google Scholar
  32. Goffman, E. The Presentation of Self in Everyday Life. New York: Doubleday Anchor, 1959.Google Scholar
  33. Goffman, E. Asylums. Essays on the Social Situation of Mental Patients and Other Inmates. New York: Doubleday Anchor, 1961.Google Scholar
  34. Graziosi, M. “Infirmitas sexus. La donna nell'immaginario penalistico,” Democrazia e Diritto, n. 2, XXXIII (April–June 1993), 99–143.Google Scholar
  35. Istituto di Studi Politici Economici e Sociali. Il linguaggio della mafia. Una riflessione dell'Ispes sui percorsi della “Comunicazione” mafiosa (Osservatorio permanente sulla criminalità in Italia. 80 Indagine). Rome: Author, 1992.Google Scholar
  36. Jedlowski, P. Storie comuni. La narrazione nella vita quotidiana. Milan: Bruno Mondadori, 2000.Google Scholar
  37. Jedlowski, P. Memoria, esperienza e modernità. Memorie e società nel XX secolo. Milan: Franco Angeli, 2002.Google Scholar
  38. Lombardi, Satriani L. M., A. Madeo, and M. Meligrana, “Il ruolo della donna nella mafia.” Quaderni del Mezzogiorno e delle Isole, XIV, n. 42–43 (1977).Google Scholar
  39. Longrigg, C. Mafia Women. London: Chatto & Windus, 1997.Google Scholar
  40. Lopez, O. Criminalità organizzata in Toscana. Non solo “media” per l'opinione pubblica. Florence: Edizioni Regione Toscana, 1995.Google Scholar
  41. Lupo, S. Storia della mafia dalle origini ai nostri giorni. Rome: Donzelli, 1993.Google Scholar
  42. “Mafia” Meridiana. Rivista di storia e scienze sociali, n. 7–8 (1990), 408.Google Scholar
  43. Maniscalco, M. L. “Mafia e segreto. Meccanismi sociali della segretezza e criminalità organizzata,” Quaderni di Sociologia, vol. XXXVII, n. 5 (1993), 93–109.Google Scholar
  44. Marletti, C. “Mass media e criminalità organizzata”” In AA.VV., Criminalità, istituzioni e società civile. Fatti, cause, norme e procedure. Atti del Convegno svoltosi a Firenze il 9/10/11 maggio 1991. Florence: Edizioni della Giunta Regionale Toscana, 1993, pp. 108–117.Google Scholar
  45. Massari, M., and C. Motta. “Il ruolo della donna nella Sacra Corona Unita: alcune riflessioni a partire dall'analisi delle fonti giudiziarie,” Palermo, 28 June 2002. English translation, “Women in the Sacra Corona Unita,” this book.Google Scholar
  46. Minicucci, G. “Essere e apparire: Note sulla condizione femminile nella realtà e nella rappresentazione di una comunità calabrese,” Donne e società, n. 26–27 (1987).Google Scholar
  47. Minicucci, G. Qui e altrove. Famiglie di Calabria e Argentina. Milan: Franco Angeli, 1989.Google Scholar
  48. Minicucci, G. Conservare, riprodurre, progettare: la memoria femminile. In Bettetini, M., ed., I signori della memoria e dell'oblio. Florence: La Nuova Italia, 1996.Google Scholar
  49. Morcellini, M., D. Ronci, F. Avallone, and G. De Leo, Mafia a dispense. Stili della rappresentazione televisiva, 2 vols. Rome: ERI—Edizioni RAI, 1986.Google Scholar
  50. Otomo, R. “Il ruolo delle donne nella criminalità organizzata in Giappone,” Palermo, 2002. English translation, “Women in organized crime in Japan,” this book.Google Scholar
  51. Pitch, T. Responsabilità limitate. Milan: Feltrinelli, 1989.Google Scholar
  52. Pitch, T. “Le differenze di genere” In Barbagli, M., and U. Gatti, eds., La criminalità in Italia. Bologna: Il Mulino, 2002, pp. 171–183.Google Scholar
  53. Principato, T., and A. Dino. Mafia donna. Le vestali del sacro e dell'onore. Palermo: Flaccovio, 1997.Google Scholar
  54. Priulla, G., ed. Mafia e informazione. Padua: Liviana, 1987.Google Scholar
  55. Puglisi, A. Donne, mafia e antimafia. Palermo: Centro siciliano di documentazione “Giuseppe Impastato,” 1998.Google Scholar
  56. Rossi, A. “Il ruolo delle donne nella criminalità organizzata in Argentina,” Palermo, 2002. English translation, “Women in organized crime in Argentina,” this book.Google Scholar
  57. Sayad, A. La double absence, Paris: Édition du Seuil, 1999.Google Scholar
  58. Schutz, A. Saggi sociologici. Turin: UTET, 1979.Google Scholar
  59. Siebert, R. Le donne, la mafia. Milan: Il Saggiatore, 1994.Google Scholar
  60. Siebert, R. Mafia e quotidianità. Milan: Il Saggiatore, 1996.Google Scholar
  61. Siebert, R. Cenerentola non abita più qui. Uno sguardo di donna sulla realtà meridionale. Turin: Rosenberg & Sellier, 1999.Google Scholar
  62. Siebert, R. “Donne e 'Ndrangheta,” Palermo, March 2002. English translation, “Mafia women: The affirmation of a female pseudo-subject. The case of the 'Ndrangheta,” this book.Google Scholar
  63. Simmel, G. Sociologia. Ed. Alessandro Cavalli. Milan: Comunità, 1989. First published 1908.Google Scholar
  64. Watzlavick, P., J. Helmick Beavin, and Don D. Jackson. Pragmatics of Human Communication: A Study of Interactional Patterns, Pathologies, and Paradoxes. New York: Norton, 1967.Google Scholar
  65. Williams, F. P., and M. D.McShane. Criminological Theory. Englewood Cliffs, NJ: Prentice Hall, 1994.Google Scholar
  66. Wolf, C. Cassandra. Rome: Edizioni e/o, 1993.Google Scholar
  67. Wolf, C. Medea. Voci. Rome: Edizioni e/o, 1996.Google Scholar

Copyright information

© Springer 2007

Authors and Affiliations

  • Alessandra Dino

There are no affiliations available

Personalised recommendations