Imaging del rachide

Il vecchio e il nuovo

  • Antonio Leone
  • Fabio Martino

Table of contents

  1. Front Matter
    Pages I-XV
  2. Domenico Barbuti, Enzo Pacciani
    Pages 1-16
  3. Antonio Leone, Marco Cirillo, Alessandro M. Costantini
    Pages 17-26
  4. Luca Macarini, Paola Milillo, Silvana Muscarella
    Pages 27-39
  5. Giacomo Garlaschi, Luigi Satragno, Enzo Silvestri, Ernesto La Paglia
    Pages 41-60
  6. Maria A. Cova, Massimiliano Braini
    Pages 61-73
  7. Mauro Gallazzi, Piero G. Garbagna, Alessandro Luzzati, Primo A. Da Olio
    Pages 75-94
  8. Roberto Caudana, Enrico Vittorini, Enrico Motta
    Pages 95-113
  9. Roberto Izzo, Francesco Di Pietto, Mario Muto
    Pages 115-122
  10. Alessandra Splendiani, Maria V. Di Fabio, Antonio Barile, Carlo Masciocchi
    Pages 123-134
  11. Carlina V. Albanese, Daniele Diacinti
    Pages 135-146
  12. Giovanni C. Anselmetti, Alessandro Pedicelli, Ugo Albisinni
    Pages 147-161
  13. Alessandra Splendiani, Rosa Masi, Rosanna De Amicis, Massimo Gallucci
    Pages 163-173
  14. Back Matter
    Pages 175-184

About this book

Introduction

La colonna vertebrale rappresenta il distretto anatomico maggiormente sottoposto ad indagini di diagnostica per immagini e, in tale campo, gran parte del "vecchio" conserva tuttora la sua attualità. La radiologia convenzionale, infatti, mantiene spesso il ruolo di metodica imaging di approccio, frequentemente esaustiva al fine diagnostico nelle varie affezioni, dalla patologia malformativa a quella degenerativa o traumatica. Allo stesso modo la ricca semeiotica TC costituisce tuttora un corredo irrinunciabile per l'imaging del rachide, particolarmente utile nella definizione del danno nel trauma ad elevata energia.

Il "nuovo", invece, è rappresentato sia dalle nuove modalità di studio che il progresso tecnologico ha reso possibili (la TC spirale multistrato e la RM ortostatica ne costituiscono gli esempi più promettenti) sia dal diverso approccio alla patologia vertebrale da parte del radiologo moderno, per il quale l’imaging non riveste più il solo fine diagnostico ma costituisce anche un fondamentale strumento per la terapia interventistica.

Il volume si inserisce in questo contesto come valido strumento di aggiornamento professionale mirato per il radiologo, ma risulta inoltre un’utile opera di consultazione per l’ortopedico, il reumatologo e il fisiatra.

Authors and affiliations

  • Antonio Leone
    • 1
  • Fabio Martino
    • 2
  1. 1.Dipartimento di Bioimmagini e Scienze RadiologicheUniversità Cattolica del Sacro CuoreRoma
  2. 2.Unità Operativa di RadiologiaAzienda Ospedaliera Policlinico “Giovanni XXIII”Bari

Bibliographic information

  • DOI https://doi.org/10.1007/978-88-470-0836-6
  • Copyright Information Springer-Verlag Italia 2008
  • Publisher Name Springer, Milano
  • eBook Packages Medicine
  • Print ISBN 978-88-470-0835-9
  • Online ISBN 978-88-470-0836-6
  • About this book