Advertisement

Sulle funzioni di green d’ordinem

  • Tommaso Boggio
Memorie e Comunicazioni

Preview

Unable to display preview. Download preview PDF.

Unable to display preview. Download preview PDF.

Reference

  1. *).
    Cfr.Gutzmer,Remarques sur certaines équations aux différences partielles d’ordre supérieur [Journal de Mathématiques, IVe série, t. VI(1890), pp. 405–422].Google Scholar

Reference

  1. *).
    Mathieu nel suo lavoro:Mémoire sur l’équation aux différences, etc. [Journal de Mathématiques, IIe série, t. XIV (1869), pp. 378–421]. Perm qualunque, l’ho data (senza dimostrazione) nella mia Nota:Un teorema di reciprocità sulle funzioni di Green d’ordine qualunque [Atti Acc. Torino, vol. XXXV (1900), pp. 498–509].Google Scholar

Reference

  1. *).
    Nel caso di due variabili, la funzioneG2 è suscettibile di una semplice interpretazione fisica. Cfr. in proposito la mia Nota:Sull’equilibrio délie piastre elastiche incastrate [Rend. Acc. Lincei, vol. X, 1∘ sem. 1901, pp. 197–205].Google Scholar

Reference

  1. *).
    Perm = 2 questa formola è stata data dal Prof.Lauricella nella sua Memoria:Sull’equazione delle vibrazioni delle placche elastiche incastrate [Memorie della R. Accademia delle Scienze di Torino, série II, t. XLVI (1896)].Google Scholar

Reference

  1. *).
    Questo teorema lo diedi, senza dimostrazione, nella mia Nota già citata:Un teorema di reciprocità, etc.Google Scholar

Reference

  1. *).
    Boggio,Sopra alcune funzioni armoniche o biarmoniche, etc. [Atti del R. Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti, t. LX, parte 2a (1901)].Google Scholar

Reference

  1. *).
    Nel caso del cerchio e del semipiano, la funzioneG2 è stata ottenuta, in altro modo, dal Prof.Lauricella. Cfr. la sua Nota:Integrazione dell’equations Δ2 (Δ2u)=o in un campo ai forma circolare [Atti Acc. Torino, vol. XXXI (1895–96), pp. 1010–1018] e la sua Memoria già citata.Google Scholar

References

  1. *).
    Rend. Acc. Lincei, vol. X, 2∘ sem. 1901, pp. 131–137.Google Scholar
  2. **).
    Sulla funzione di Green di graào n per la sfera [Rendiconti del Circolo Matematico di Palermo, t. XVI (1902), pp. 230–235]. In fine di questa Nota il Prof.Marcolongo cortesemente scrive: «Dopo la pubblicazione della mia Nota all’Accademia «dei Lincei, il Dr.Boggio mi ha gentilmente informato di aver per suo conto riso«luto, con metodo del tutto diverso, il problema d⌈a determinazione della funzione «Gn per la sfera, il cerchio, il semi-piano, ecc. Tale metodo e alcune propriétá délle «Gn sono esposti in una Memoria che egli ha compiuto da oltre un anno e che ance cora non è stampata». Il présente lavoro è appunto quello di cui è cenno nelle linee ora citate; esso, e quello che gli farà seguito, trovasi già annunziato nelle pag. 6 e 198 délie mie due prime note già citate.Google Scholar
  3. ***).
    Cfr. anche:Orlando,Sulla funzione nma diGreen per la sfera [Giornale di Maternatiche diBattaglini, vol. XLII (1904), pp. 292–296].Google Scholar

Reference

  1. *).
    Poincaré,Theorie du Potentiel newtonien, § 73 (Paris, 1899).Google Scholar

Copyright information

© Springer 1905

Authors and Affiliations

  • Tommaso Boggio
    • 1
  1. 1.Torino

Personalised recommendations