Annali di Matematica Pura ed Applicata

, Volume 21, Issue 1, pp 113–155 | Cite as

Sulle varietà algebriche a curve-sezioni di genere tre

  • Ugo Morin
Article

Sunto

Delle varietà algebriche a3 dimensioni (non coni o luoghi di ∞1 piani) a curve sezioni di genere π=3 si danno i tipi proiettivamente distinti. Questi, ad eccezione dellaV 3 (4) dell'S4, sono razionali. I loro sistemi rappresentativi forniscono tutti i sistemi lineari di superficie dell'S3, cremonianamente distinti, a curva caratteristica di genere3, semplici e di grado >4.

Preview

Unable to display preview. Download preview PDF.

Unable to display preview. Download preview PDF.

References

  1. (1).
    Castelnuovo G.,Sulle superficie algebriche le cui sezioni sono curve di genere 3 (« Atti della R. Accademia delle Scienze di Torino », t. XXV, 1890].Google Scholar
  2. (2).
    Scorza G., Le superficie a curve-sezioni di genere 3 [« Annali di Matematica », t. XVI (1909), pagg. 255–327 e t. XVII (1910), pagg. 281–321].Google Scholar
  3. (3).
    AlleV 3(4) sono associati interessanti e difficili problemi. Poichè secondoFano [« Atti R. Accad. di Torino », t. 43 (1907–08), 50 (1914–15)] laV 3(4) senza punti doppi non è razionale, classificare i particolari tipi diV 3(4) razionali! LaV 3(4) generale è forseunirazionale, come laV r −1(4) dell'S r, perr ≥ 7? [cfr.Morin U.,Sull'unirazionalità dell'ipersuperficie algebrica del quarto ordine, « Rend. R. Accad. dei Lincei, t. 24 (6) (1936)].Google Scholar
  4. (4).
    Scorza G., loco cit. (2).Google Scholar
  5. (6).
    Severi F.,Fondamenti per la geometria sulle varietà algebriche [« Rendiconti de] Circolo Matematico di Palermo », t. XXVIII (1909)], teorema VIII.Google Scholar
  6. (7).
    Scorza G., loc. cit. (2).Google Scholar
  7. (8).
    Scorza G., loc. cit. (2).Google Scholar
  8. (9).
    Castelnuvo G., loc. cit. (1).Google Scholar
  9. (10).
    Fano G., Sulle varietà algebriche a tre dimensioni a superficie-sezioni razionali [« Annali di Mat. », t. 24 (3), (1915], pagg. 49–88. —Morin U.,Sulla classificazione proiettiva delle varietà a superficie-sezioni razionali [« Annali di Mat. », t. 18 (4), (1939)].MATHGoogle Scholar
  10. (11).
    Severi F., loc. cit. (6).Google Scholar
  11. (12).
    Le direttrici di ordine minimo di unR 2(4) sono ∞1 coniche oppure, in particolare, una retta [cfr.Conforto F.,Le superficie razionali (Nicola Zanichelli, Bologna 1939), pagg. 103 e 119].Google Scholar
  12. (15).
    Fano G., loc. cit. (10).MATHGoogle Scholar
  13. (16).
    Enriques F., Sui sistemi lineari di superficie algebriche ad intersezioni variabili iperellittiche [« Math. Annalen », Bd. 46 (1896); pp. 173–199].Google Scholar
  14. (17).
    Morin U., Sui sistemi lineari di superficie algebriche a curva-caratteristica di genere due [« Annali di Mat. », t. 19 (4), 1940], pp. 257–288. Alcune considerazioni di questa Memoria sono state direttamente sfruttate in questo capitolo, conservando (per facilitare il confronto) il più possibile anche la forma.MATHMathSciNetGoogle Scholar
  15. (18).
    loc. cit. (16).Google Scholar
  16. (19).
    I successivi sistemi sono tratti dalla classificazione dell'Enriques,Sui sistemi lineari di superficie algebriche ad intersezioni variabili iperellittiche [« Mathem. Annalen », Bd. 46 (1896)], dove nel sistema 2° laC (5)-base è stata spezzata affinchè laV 3 contenga un fascio di quadriche. Il sistema 5° si deduce dai sistemi 5° e 6° dell'Enriques [sistema di ϕ(3) con una cubica-base gobba e su essa un punto-baseA doppio; sistema di ϕ(3) con un punto-baseB biplanareB, in esso un piano tangente τ fisso, passanti per una cubica col punto doppioB], facendo prima degenerare la cubica-base in una retta e una conicaC (2) (affinchè laV (3) contenga un fascio di quadriche) e poi trasformando il sistema | ϕ(3) | mediante la corrispondenza cremoniana definita nell'S 3 dal sistema omaloidico delle quadriche per la conicaC (2) e rispettivamente per il puntoA oppure col piano tangente τ fisso inB.Google Scholar
  17. (20).
    Segre C., Sulle varietà normali a tre dimensioni composte di serie semplici razionali di piani [« Atti Acc. di Torino », t. 21 (1885–86); pp. 95–115]. Questi sistemi lineari si possono ottenere con procedimento diretto nel seguente modo: I) Se laM 3(4) non è unS 0-cono, essa si proietta da un suo piano biunivocamente sopra unS 3, ai piani dell'M 3(4) corrispondono i piani per una rettab, cioè laM 3(4) è rappresentata dalle φ(2) perb. Se laM 3(4) è unS 0-cono, tenuto conto che una rigataF 2(4) è rappresentata nel piano dalle II) cubiche con un punto doppio e uno semplice, III) cubiche con una tangente fissa in un punto doppio, IV) quartiche con tre tangenti fisse in un punto triplo; si ottengono gli altri sistemi lineari di superficie rappresentativi di coniM 3(4).Google Scholar
  18. (25).
    L'F 2(4), superficie diSegre, è rappresentata nel piano dalle cubiche per5 punti. Quindi in un fascio di coniche vi sono4 coniche degeneri.Google Scholar
  19. (26).
    loc. cit. (17), pag. 263.MathSciNetGoogle Scholar

Copyright information

© Nicola Zanichelli Editore 1942

Authors and Affiliations

  • Ugo Morin
    • 1
  1. 1.Padova

Personalised recommendations