Advertisement

Experientia

, Volume 6, Issue 4, pp 153–155 | Cite as

“Potentiating” effect of repeated penicillin treatments inB. novyi infection

  • Dorothy Kley
  • N. Ercoli
Kurze Mitteilungen

Keywords

Penicillin Penicillin Treatment 
These keywords were added by machine and not by the authors. This process is experimental and the keywords may be updated as the learning algorithm improves.

Riassunto

In topi infettati sperimentalmente conBorrellia novyi, l'iniezione di una o più dosi di penicillina per sé senza effetto apprezzabile sull'andamento dell'infezione («pretrattamento») determina un aumento della sensibilità dell'infezione verso una successiva iniezione di penicillina («trattamento»). Questo effetto additivo del pretrattamento con dosi ineffettive e del trattamento è dimostrato: 1) dal fatto che dopo 3 e 6 ore dall'iniezione di 350μ/20 g di penicillina il numero delle spirochete nel sangue è notevolmente diminuito negli animali pretrattati e poi trattati, mentre questo non avviene nei controlli semplicemente trattati; 2) dal fatto che negli animali pretrattati la dose di 350μ/20 g, somministrata 48 ore dopo l'infezione assume il valore della dose terapeutica media, in quanto le spirochete scompaiono completamente, entro due giorni, dal sangue nel 54% dei topi, mentre negli animali non pretrattati la scomparsa si ha solo nel 21%, per cui questa dose è da considerarsi inefficace.

A spiegazione di questo fenomeno di potenziamento si può supporre o che il pretrattamento con dosi subterapeutiche modifichi la sensibilità del germe verso la penicillina, o che l'azione delle dosi subterapeutichesu alcune spirochete influenzi lo stato di difesa immunitaria dell'animale nel senso di renderne più valido l'intervento in occasione di iniezioni successive di penicillina.

Questi dati fanno ritenere che la sensibilità dell'infezione verso certi trattamenti chemoterapici non dipenda solamente dalla durata del trattamento, dalla concentrazione del farmaco nel sangue, ecc. ma si modifichi di continuo in conseguenza delle singole introduzioni del medicamento.

Preview

Unable to display preview. Download preview PDF.

Unable to display preview. Download preview PDF.

References

  1. 1.
    W. S. Tillett, N. J. Cambier, andJ. E. McCormack, Bull. N.Y. Acad. Med.20, 142 (1944).Google Scholar
  2. 1a.
    W. H. Altmeier, Ann. Surgery128, 708 (1948).Google Scholar
  3. 1b.
    W. Weise andI. Steinberg, Amer. J. Med. Sci.217, 1949 (1949).Google Scholar
  4. 1c.
    M. Hamburger, J. R. Berman, R. T. Thompson, M. A. Blankenhorn, J. Lab. and Clin. Med.34, 59 (1949).Google Scholar
  5. 2.
    M. Buck andR. J. Schnitzer, Arch. Biochem.5, 153 (1944).Google Scholar
  6. 2a.
    E. Jawetz, Arch. Int. Med.77, 1 (1946).Google Scholar
  7. 2b.
    C. G. Zubrod, Bull. Johns Hopkins Hosp.81, 400 (1947).Google Scholar
  8. 2c.
    H. J. White, M. J. Baker, andE. R. Jackson, Proc. Soc. Exp. Biol. and Med.67, 199 (1948).Google Scholar
  9. 2d.
    C. D. Gibson, Jr., Proc. Soc. Exp. Biol. and Med.67, 278 (1948).Google Scholar
  10. 3.
    N. Ercoli, M. N. Lewis, B. S. Schwartz, andM. Whitehead, Proc. Soc. Exp. Biol. and Med.69, 297 (1948).Google Scholar
  11. 4.
    M. Buck, A. C. Farr, R. J. Schnitzer, Science104, 370 (1946).Google Scholar
  12. 5.
    D. R. Kelly andR. J. Schnitzer, Arch. Biochem.7, 461 (1945).Google Scholar
  13. 5a.
    O. K. Skinsnes andR. L. Woolridge, J. Infect. Dis.83, 78 (1948).Google Scholar
  14. 5b.
    O. K. Skinsnes, J. Infect. Dis.83, 101 (1948).Google Scholar
  15. 6.
    E. Grunberg, C. Unger, andD. Eldridge, Yale J. Biol. and Med.21, 123 (1948).Google Scholar

Copyright information

© Birkhäuser Verlag 1950

Authors and Affiliations

  • Dorothy Kley
    • 1
  • N. Ercoli
    • 1
  1. 1.Department of Pharmacology and Chemotherapy Warner Institute for Therapeutic ResearchNew York

Personalised recommendations