Economic Botany

, 62:307

Nationalization and Globalization Trends in the Wild Mushroom Commerce of Italy with Emphasis on Porcini (Boletus edulis and Allied Species)

Special Mushroom Issue

Abstract

Nationalization and Globalization Trends in the Wild Mushroom Commerce of Italy with Emphasis on Porcini (Boletus edulis and Allied Species). This paper presents an historical overview of wild mushroom commerce in Italy, with a focus on recent trends in the production of porcini (Boletus edulis and closely allied species). Over the past century, two major trends—nationalization and globalization—have been apparent in the wild mushroom commerce of Italy. First, a simplified national mushroom menu has emerged through processes of governmental regulation and culinary fashion, but it has come at the expense of differing, localized mushroom traditions which may suffer under the European Union’s free trade principles. Second, Italy has emerged as a focal point of a global market for a small number of mushroom species—particular porcini. While the name porcini has become synonymous with Italian cuisine, and in spite of a vibrant tradition of recreational mushroom collecting in Italy, most of the porcini commercially available in Italy or exported by Italy are no longer of Italian origin. Porcini and other mushrooms now flow into Italy from all over the world—especially from China and eastern Europe—and are then often exported as “Italian porcini.” This globalization of the wild mushroom trade, while offering significant income to rural producers and processors around the globe, has other effects as well, for example, a kind of national branding as “Italian” of globally-produced products, of which porcini is one, that is in direct opposition to some of the European Union’s rules for regional denominations.

Key Words

Porcini Wild mushrooms Fresh Dried Brine Trade Italy Globalization Nationalization 

Abstract

Processi di Nazionalizzazione e Globalizzazione nel Commercio Italiano dei Funghi spontanei, con Particolare Riguardo ai Porcini (Boletus edulise Specie Affini). Questo articolo presenta una panoramica storica sul commercio dei funghi spontanei in Italia, con particolare riguardo alle recenti tendenze nella produzione dei porcini (Boletus edulis e specie affini). Nello scorso secolo si sono osservate due tendenze principali—di nazionalizzazione e di globalizzazione—nel commercio dei funghi spontanei in Italia. In primo luogo si è affermata nel territorio nazionale una tradizione limitata al consumo di un numero contenuto di specie, sia per effetto di alcune normative che di mode culinarie, ma ciò è avvenuto a discapito di tradizioni locali più ricche, che potrebbero ulteriormente risentire dei principi per il libero scambio all’interno dell’Unione Europea. In secondo luogo, l’Italia si è posta in evidenza come un punto nodale per il mercato globale di alcune specie fungine, in particolare dei porcini. Nonostante quest’ultimo termine sia tradizionalmente associato alla cucina italiana, e nonostante esista in Italia una vivace e radicata tradizione nella raccolta amatoriale dei funghi, la maggior parte dei porcini ivi commercializzati (allo stato fresco, essiccati o variamente conservati) o esportati verso altri paesi non sono più di origine locale. I porcini e altre specie fungine giungono attualmente in Italia da ogni parte del mondo—in modo particolare dalla Cina e dall’Europa orientale—e sono successivamente spesso esportati come “prodotti Italiani.” Questo processo di globalizzazione del mercato dei funghi spontanei, pur offrendo un significativo introito ai raccoglitori e commercianti rurali su tutto il globo, è responsabile di altri effetti, come per l’appunto una sorta di marchio nazionale “Italiano” su alcuni prodotti di provenienza globale, come per l’appunto i porcini, cosa che contrasta con alcune delle regole dell’Unione Europea in materia di denominazioni regionali.

Literature Cited

  1. Angeli, M. 1835. Aronte Lunense. Pisa.Google Scholar
  2. Bellini, C. 1933. Il Fungo di Borgotaro. L’Avvenire Agricolo, Parma. Reprinted in G. Bernardi, Il Fungo di Borgotaro, Storia, Uomini e Tradizioni (2000). 31 pp.Google Scholar
  3. Bertoloni, G. 1867. Vegetazione dei Monti di Porretta. Pages 193–332 in C. Marsili, Illustrazione delle Terme di Porretta e del suo Territorio. Regia Tipografia, Bologna.Google Scholar
  4. Buller, A. H. R. 1914. The Fungus Lore of the Greeks and Romans. Transactions of the British Mycological Society 5: 21–66.CrossRefGoogle Scholar
  5. Cetto, B. and G. Lazzari. 1966. Parliamo di Funghi. Trento.Google Scholar
  6. Egli, S., M. Peter, C. Buser, W. Stahel, and F. Ayer. 2006. Mushroom Picking Does Not Impair Future Harvest—Results of a Long-Term Study in Switzerland. Biological Conservation 129:271–276.CrossRefGoogle Scholar
  7. Fantoni, L. 1779. Efemeridi Biennali di Aronte Lunense. Livorno.Google Scholar
  8. Farneti, R. 1892. Funghi Mangerecci e Velenosi. Milano.Google Scholar
  9. Felici, C. 1569. Lectio Nona in qua de Fungis, in Genere atque in Speciebus, Pertractatur. In AA.VV., Costanzo Felici da Piobbico. Lettera sulle Insalate. Lectio Nona de Fungis (1996). Urbino.Google Scholar
  10. Ferri, G. 1934. Cibo o Veleno? Il Tribunale dei Funghi. Le Vie d’Italia. Rivista Mensile del Touring Club Italiano. Pages 757–770.Google Scholar
  11. Floriani, M., G. Simonini, and N. Sitta. 2000. Boletus violaceofuscus, una Specie Orientale Commercializzata in Italia. Bollettino del Gruppo Micologico G. Bresadola di Trento (Nuova Serie) 433:4–15.Google Scholar
  12. ISTAT-Coeweb. 2007. Freely available database by the Italian National Institute of Statistics including data about trades with other countries, based on reports from the national customs. URL: http://www.coeweb.istat.it/.
  13. Lanzi, M. 1889–1893. I Funghi della Provincia di Roma. Roma.Google Scholar
  14. Leonardi, M., F. Paolocci, A. Rubini, G. Simonini, and G. Pacioni. 2005. Assessment of Inter- and Intra-Specific Variability in the Main Species of Boletus edulis Complex by ITS Analysis. FEMS Microbiology Letters 243:411–416.PubMedCrossRefGoogle Scholar
  15. Mello, A., S. Ghignone, A. Vizzini, C. Sechi, P. Ruiu, and P. Bonfante. 2006. ITS Primers for Identification of Marketable Boletes. Journal of Biotechnology 121:318–329.PubMedCrossRefGoogle Scholar
  16. Ottaviani, V. 1832. Saggio di un Manuale dei Funghi Commestibili dello Stato Pontificio. In D. Ubaldi and V. Ottaviani (1790–1853), Tavole Micologiche con un Saggio sui Funghi dello Stato Pontificio e Altri Scritti (1990). San Sisto (PU).Google Scholar
  17. Palumbo, D. and N. Sitta. 2005. I Funghi Secchi e Conservati dal Bosco alla Tavola. Alberi e Territorio 212:25–28.Google Scholar
  18. ———— and ————. 2007. Entomofauna dei Funghi Spontanei Freschi e Conservati. Pages 351–380 in AA.VV., Parliamo di Funghi—Manuale per i Corsi di Formazione per il Rilascio dell’Attestato di Micologo. 2nd Edition (2007). Provincia Autonoma di Trento.Google Scholar
  19. Pipino, A. 1972. Produzione e Commercio dei Funghi in Calabria. Annali della Facoltà di Economia e Commercio dell’Università di Messina 102:328–341.Google Scholar
  20. Simonini, G., M. Floriani, M. Binder, and H. Besl. 2001. Two Close Extraeuropean Boletes: Boletus violaceofuscus and Boletus separans. Micologia e Vegetazione Mediterranea 162:148–170.Google Scholar
  21. Singer, R. 1986. The Agaricales in Modern Taxonomy. Fourth edition. Koenigstein.Google Scholar
  22. Sitta, N. 1997. Funghi Epigei Spontanei: Raccolta, Riconoscimento e Commercializzazione. Marano sul Panaro (MO).Google Scholar
  23. ————, P. Davoli, P. Fontana, and A. Zuchegna. 2007. I Funghi Spontanei nel Commercio e nell’Alimentazione Umana. Pages 159–236 in AA.VV., Parliamo di Funghi—Manuale per i Corsi di Formazione per il Rilascio dell’Attestato di Micologo. 2nd Edition (2007). Provincia Autonoma di Trento.Google Scholar
  24. ————, N. Togni and M. Zotti. 2007a. Guida alla Conoscenza e all’Analisi dei Funghi Secchi. Pages 237–318 in AA.VV., Parliamo di Funghi – Manuale per i Corsi di Formazione per il Rilascio dell’Attestato di Micologo. 2nd Edition (2007). Provincia Autonoma di Trento.Google Scholar
  25. Targioni Tozzetti, G. 1777. Relazioni d’Alcuni Viaggi Fatti in Diverse Parti della Toscana. Firenze.Google Scholar
  26. Togni, N. 1985. I Funghi Secchi nella Pratica Ispettiva. Modena.Google Scholar
  27. ————, and F. Fiandri. 1986. I Funghi Freschi, Secchi e Conservati nella Pratica Ispettiva. Modena.Google Scholar
  28. ————, and Fiandri, F. 1987. I Funghi Freschi, Secchi e Conservati nella Pratica Ispettiva. Bologna.Google Scholar
  29. Ubaldi, D. 1990. Vincenzo Ottaviani, Micologo del Primo’800. San Sisto (PU).Google Scholar
  30. Wang, X.-H., P.-G. Liu, and F.-Q. Yu. 2004. Color Atlas of Wild Commercial Mushrooms in Yunnan (in Chinese). Kunming.Google Scholar
  31. Yang, Z.-L. and M. Piepenbring. 2004. Wild Edible Mushrooms in the Yunnan Province, Southwestern China. Pages 419–426 in R. Agerer, M. Piepenbring, and P. Blanz, eds., Frontiers in Basidiomycote Mycology. Eching, IHW-Verlag.Google Scholar
  32. Zhao, Y.-C., L. Fang, X. Zhang, W.-H. Zuo, S.-H. Li, R. Li, H.-M. Chai, and M.-H. Zhong. 2006. The Structural Characteristics of ITS-Region of Boletus edulis (Boletoueae) in Yunnan. Acta Botanica Yunnanica 28:575–580.Google Scholar
  33. Zuchegna, A. 2005. Dati Analitici su Import ed Export di Funghi e Tartufi. Alberi e Territorio 212:29–31.Google Scholar

Copyright information

© The New York Botanical Garden 2008

Authors and Affiliations

  1. 1.Professional Consulting MycologistLizzano in BelvedereItaly
  2. 2.Via dei CaldonazziPergine ValsuganaItaly

Personalised recommendations