Advertisement

Il Nuovo Cimento (1855-1868)

, Volume 25, Issue 1, pp 305–320 | Cite as

D'alcune caverne e brecce ossifere dei monti pisani

  • Antonio D'Achiardi
Article
  • 9 Downloads

Preview

Unable to display preview. Download preview PDF.

Unable to display preview. Download preview PDF.

References

  1. (1).
    Fra coloro che più di frequente l'accompagnarono citerò il Prof. Lodovico Martelli, Gian Martino Arconati, il Dott. Arcangeli, lo studente Larderell e altri. Una volta venne con noi anche il prof. Meneghini, e visitando la bella caverna di Parignana potè constatare sul posto l'abbondanza e lo stato delle ossa nel loro giacimento naturale.Google Scholar
  2. (1).
    Mi corre l'obbligo di ringraziare il sig. Francesco Metti, il quala raccolte varie frecce e rotelle di marmo, ossa e denti, ne volle far dono al nostro Museo. Altre di quelle ossa e frecce e ufensili sono andati perduti, essendoché, saputasi la cosa, si sieno alcuni introdotti in quell'antro e abbiano fin di notte tempo portato via quanto più potevano—Un clogio dunque al primo, un biasimo a quest'ultimi. Forse si potrà di questi eggetti dispersi raccapezzare alcun altro, e di essi come dei rimanenti surh reso conto più particolareggiato in un apposito lavoro.Google Scholar
  3. (1).
    Di tali frecce a un'aletta sola fa pur menzione il Foresi per le sue dell'Elba.Google Scholar
  4. (2).
    Prese varie qualità di selce, con un frammento di roccia calcarea ho tentato farne frecce, e mentre m'è stato facile per alcune, per attre invece difficilissimo, aveudone avuta una differenza nel lavoro nou certo minore a quella che passa fra le più rozze frecce e le più raffiuate.Google Scholar
  5. (1).
    Gastaldi (Nuovi cenni sugli oggetti di alta antichita trovati nelle torbiere ec. pag. 29. Torino 1862) dice che a Casola di Ravarano fra Parma e Pontremoli si fanno tuttora delle stoviglie, la cui terra contiene oltre all' argilla dei granellini di silice, del gesso, dell' ossido di ferro e delcalcare spatoso a bella posta raccolto, clivato in minutissimi romboedri, imperfettamente calcinato e misto alla pasta a fine d'impedire che screpoli, esposta che venga al fuoco.Google Scholar
  6. (2).
    Cocchi, di aleuni resti umani—Milano 1865 pag. 17.Google Scholar

Copyright information

© Società Italiana di Fisica 1867

Authors and Affiliations

  • Antonio D'Achiardi

There are no affiliations available

Personalised recommendations