Advertisement

Annali di Matematica Pura ed Applicata

, Volume 25, Issue 1, pp 111–133 | Cite as

Il teorema di Fuchs per le equazioni differenziali lineari a coefficienti non analitici e proprietà asintotiche delle soluzioni

  • Sandro Faedo
Article

Sunto

Estendendo e approfondendo classiche ricerche diM. Bôcher eU. Dini si dimostra che un'equazione differenziale lineare omogenea d'ordinen, i cui coefficienti sono funzioni quasi continue che soddisfano a opportune condizioni di sommabilità, possiede nell' intorno di un punto singolare (in cui le dette condizioni non sono verificate) un sistema fondamentale d'integrali che si calcolano esplicitamente mediante serie derivabili termine a terminen−1 volte. Si confrontano i risultati con quelli ottenuti daFuchs per le equazioni a coefficienti analitici e se ne fa applicazione alla ricerca delle proprietà asintotiche delle soluzioni di una equazione differenziale lineare omogenea d'ordinen.

Literatur

  1. (1).
    Crelle Journ. Bd. 116, 117, 120 e Math. Ann. Bd. 49.Google Scholar
  2. (2).
    Bull. Am. Math. Soc. 1899; Trans. Am. Math. Soc., vol. I, 1900.Google Scholar
  3. (3).
    Annali di Matematica, S. III, T. XI, pagg. 385–435, 1905.Google Scholar
  4. (4).
    Si veda a tale proposito:M. Bôcher,Leçons sur les méthodes de Sturm, Paris, Gauthier-Villars, 1917, pag. 7;J. Hadamard,Le problème de Cauchy et les équations aux derivées partiellas lineaires hyperboliques, Paris, Hermann, 1932, pag. 38;U. Dini, loc. cit. in (3), pag. 430.Google Scholar
  5. (5).
    O. Perron,Ùeber lineare Differentialgleichungen, bei denen die unabhängig Variable reel ist, « Journ, f. reine u. ang. Math. », Bd. 142–143 (1912–13). (**) In una serie di note inserite nei Rendiconti della Accademia dei Lincei, 1947, dal titolo «Sulla stabilità delle soluzioni delle equazioni differenziali lineari » ho dimostrata questa proposizione anche per le equazioni non omogenee approfondendo anche alcuni risultati diO. Perron eL. Cesari. (Nota aggiunta nella correzione delle bozze).Google Scholar
  6. (6).
    M. Hukuara,Sur le points singulíer des équations dtfferentielles lineaires, « Journ. Fac. Sc. Hokkaido Un. », S. I. vol. II, 1335;L. Cesari,Sulla stabilità delle soluzioni delle equazioni differenziali lineari, « Ann. R. Sc. Normale Sup. Pisa », S. II, vol. VIII, 1939 eProprietà asintoliche delle equazioni differenziali ordinarie, « Rend. Sem. Mat. Roma », S. IV, vol. III, 1939. In tutti questi lavori oltre alla 7′) si suppone anche che sia\(\mathop {\lim }\limits_{t \to \left| \infty \right.} a_i (t) = \alpha _i \). Quest'ultima condizione è stata tolta successivamente inL. Cesari,Un nuovo criterio di stabilità per le soluzioni delle equazioni differenziali lineari, « Ann. R. Sc. Normale Sup. Pisa «, S. II, vol. IX, 1940. Pern=2 v.G. Sansone,Equazioni differenziali nel campo reale, Bologna, 1941, Parte II, pag. 29,g).Google Scholar
  7. (8).
    Ciò segue dal fatto che Δ è il Wronskiano delle funzioni linearmente indipendentiη i (i=1, ...,n). Nella seconda delle note lincee cit. in (**) (pag. 117) è data una completa dimostrazione delle espressioni qui asserite di Δ e Δj, anche nel caso generale che l'equazione determinante (8) possieda radici comnnque multiple.Google Scholar
  8. (9).
    Le (24), e così pure le (33) e (33′), si possono maggiorare sostituendo alle costanti C (s=1, ...,n−1) una unica costante che puo esseze conglobata nella espressione diM(c). Questa piccola variante, che nel caso generale delle radicik r comunque multiple apporta una semplificazione delle notazioni, e stata seguita nella terza nota lincea cit. in (**) (pag. 117).Google Scholar
  9. (10).
    V. L. Bianchi,Lezioni sulla teoria delle equazioni differenziali lineari, Catania, 1924, lit. pag. 177–178.Google Scholar

Copyright information

© Nicola Zanichelli Editore 1946

Authors and Affiliations

  • Sandro Faedo
    • 1
  1. 1.Roma

Personalised recommendations