Advertisement

Qualche aspetto topologico della teoria degli elementi differenziali

  • 17 Accesses

Sunto.

Si assegna una compattificazione della varietà degli elementi differenziali del 2o ordine dello spazio proiettivo n-dimensionale che si presenta naturale rispetto alla definizione di tali elementi come classi di equivalenza di curve e che dà luogo ad uno spazio quasi-compatto (non separato); ciò giustifica alcuni aspetti paradossali nelle determinazioni di limiti di sistemi infiniti di elementi regolari.

Bibliografia

  1. [1]

    E. Bompiani,Geometria degli elementi differenziali regolari del piano rispetto al gruppo proiettivo. Lezioni policopiate, Ist Mat. Univ. Roma, 1955.

  2. [2]

    -- --,Rappresentazione di elementi differenziali del piano proiettivo. « Rend. Sem. Mat. », Torino, vol XVI - 1956–57.

  3. [3]

    -- --,Geometria degli elementi differenziali. Rapporto per le onoranze aL. Eulero. Berlino, 1959.

  4. [4]

    N. Bourbaki,Topologie générale. Chap. Ie, 2.a ed.Hermann; Paris, 1951.

  5. [5]

    F. Engel,Die höheren Differentialquotiente. Leipz. Ber., v. 54, 1902.

  6. [6]

    S. Lefschetz,Algebraic Topology. « Am. Math. Soc. Coll. Publ. », vol. XXVII, New York, 1942.

  7. [7]

    C. Longo,Gli elementi differenziali del 2 o ordine di Sr. Rend. Mat. Univ. Roma, vol. XIII, 1955.

  8. [8]

    E. Study,Die Elemente zweiter Ordnung in der ebenen projectiven Geometrie. Leipz. Ber., v. 53, 1901.

Download references

Author information

Additional information

A Enrico Bompiani in occasione del suo Giubileo Scientifico

Lavoro eseguito nell'ambito dell'attività del Gruppo di Ricerca n. 1 del Comitato per la Matematica del C.N.R. per l'anno accademico 1961–62.

Rights and permissions

Reprints and Permissions

About this article

Cite this article

Succi, F. Qualche aspetto topologico della teoria degli elementi differenziali. Annali di Matematica 57, 63–75 (1962). https://doi.org/10.1007/BF02417727

Download citation