Advertisement

Annali di Matematica Pura ed Applicata

, Volume 34, Issue 1, pp 219–245 | Cite as

Sul comportamento effettivo delle curve polari nei punti multipli

  • Edoardo Vesentini
Article

Sunto

RecentementeB. Segre ha mostrato che la questione del comportamento effettivo delle polari è di fatto assai meno semplice di come si era ritenuto prima d'ora. Nel presente lavoro affronto la questione da Lui posta precisando tale comportamento nel caso delle curve piane, sotto ipotesi abbastanza late e collegandolo all'ideale associato ad una data singolarità, in base a considerazioni aritmetiche poggianti sulla teoria delle frazioni continue.

Bibliografia

  1. [1]
    E. Bompiani,Elemnti differenziali regolari e non regolari nel piano proiettivo e loro applicazioni alle curve algebriche piane, « Rend. di Mat. e delle sue applicazioni », (5), VI, (1946), pag. 1–46.Google Scholar
  2. [2]
    Briot etBouquet,Théorie des fonctions elliptiques, II ed., Parigi, 1875.Google Scholar
  3. [3]
    O. Chisini,Sulla singolarità di una superficie in un punto generico di una curva multipla, « Atti Ace. di Bologna », (1920).Google Scholar
  4. [4]
    L. E. Dickson,History of the theory of numbers, Vol. II, Stechert, New York, 1934.Google Scholar
  5. [5]
    F. Enriques,Sulla teoria delle singolarità delle curve algebriche, « Rend. Lincei », (5), XXVi, (1916), pag. 607–613.Google Scholar
  6. [6]
    F. EnriquesO. Chisini,Lezioni sulla teoria geometrica delle equazioni e delle funzioni algebriche, Vol. II, (1918), Zanichelli, Bologna.Google Scholar
  7. [7]
    G. H. Halphen,Sur une série de courbes analogues aux developpées, « Journal de Math. », (3), II, (1876), pag. 87–144.zbMATHGoogle Scholar
  8. [8]
    C. F. Manara,Normale proiettiva e nomale puntuale dei rami superlineari delle curve piane, « Rend. Ist. Lombardo », LXXVII, (1944), pag. 1–8.Google Scholar
  9. [9]
    A. Maxia,Studio proiettivo differenziale di un elemento cuspidale di specie superiore, « Rend. di Mat. e delle sue applicazioni », (5), VI, (1947), pag. 254–344.Google Scholar
  10. [10]
    O. Perron,Die Lehre von den Kettenbrüchen, Teubner, Leipzig, (1913).Google Scholar
  11. [11]
    B. Segre,Geometria algebrica ed aritmetica, « Atti IV Congresso U. M. I. », (Taormina, 1951).Google Scholar
  12. [12]
    B. Segre,Sullo scioglimento delle singolarità delle varietà algebriche, « Ann. di Mat. », (4), XXXIII, (1952), pag. 5–48.MathSciNetGoogle Scholar
  13. [13]
    F. Severi,Trattato di Geometria Algebrica, Vol. I, parte I, Zanichelli, Bologna, 1926.Google Scholar
  14. [14]
    B. L. van der Waerden,Moderne AlgebraII Teil, Springer, Berlino, (1940).Google Scholar

Copyright information

© Swets & Zeitlinger B. V. 1953

Authors and Affiliations

  • Edoardo Vesentini
    • 1
  1. 1.Milano

Personalised recommendations