Geofisica pura e applicata

, Volume 9, Issue 1–2, pp 19–29 | Cite as

Studio macrosismico del terremoto del Cansiglio (Friuli) del 18 Ottobre 1936

  • Giovanni Agamennone
Article

Riassunto

È un terremoto già studiato su dati sismografici daP. Caloi che ha ottenuto una profondità ipocentrale di 18 Km. in disaccordo con i 37–51 calcolati con analoghi metodi per altri terremoti precedenti pure del Veneto. L'A. ha rideterminato la profondità ip. per il terremoto in questione con procedimento macrosismico, deducendo soltanto 4–5 Km. D'altra parte riesaminando i metodi delCaloi si è convinto che i suoi 18 Km. sono quanto mai incerti ed anche in forte contrasto col valore ottenuto pure microsismograficamente dalloSchmerwitz di 43 Km. Al riguardo l'A. ricorda e discute altre notevoli contraddizioni che intervengono in importanti questioni sismologiche.

Summary

The above mentioned earthquake was already investigated byP. Caloi only by seismographic data obtaining a depth of 18 Km., while others shocks in the same zone, investigated with similar methods, should have been originated in depths of 37–51 Km. Therefore, the A. has undertake a new determination using a macroseismic method and became a value of only 4–5 Km. The discrepance is particularly great on account of the value of 43 Km. obtained bySchmerwitz also with microseismic methods. The unreliability of similar results for the solution of some important seismologic problem is analised.

Preview

Unable to display preview. Download preview PDF.

Unable to display preview. Download preview PDF.

Note Bibliografiche

  1. (1).
    G. Agamennone,Esame di alcune profondità ipocentrali calcolate con la formula dell'Inglada (Boll. Soc. Sism. It. XXXII, 1934, pag. 115).Google Scholar
  2. (2).
    —,Ulteriore discussione sulla validità della formula dell'Inglada per il calcolo delle profondità ipocentrali (Ivi XXXIII, 1935, pag. 63).Google Scholar
  3. (3).
    —,Discussion sur l'hypocentre et l'heure à laquelle fut ressentie à Constantinople la grande secousse sismique du 10-VIII-1894 (Ivi, XXXIV, 1936, pag. 197).Google Scholar
  4. (4).
    —,Sulla profondità del foco nel terremoto Calabro-Siculo del 13-IV-1938, (Ivi, XXXVII, 1939, pag. 33).Google Scholar
  5. (5).
    G. Agamennone,Studio macrosismico del terremoto dell'Istria del 29-VIII-1931, IIvi, pag. 157 e 159).Google Scholar
  6. (6).
    G. Agamennone,Studio macrosismico del terremoto del Friuli del 25-XII-1931 ediscussione sulla profondità del foco (Ivi, pag. 209).Google Scholar
  7. (7).
    —,Ulteriore discussione sulla profondità ipocentrale del térremoto del Friuli del 25-XII-1931, (Ivi, XXXVIII, 1940, pag. 229).Google Scholar
  8. (8).
    G. Agamennone,Considerazioni sopra gli ipocentri sismici dei Colli Laziali (Rend. della R. Accad. dei Lincei, (Ser. 6a, XVII, 5-II-1933, pag. 725).Google Scholar
  9. (9).
    G. Agamennone,La profondità del foco dedotta dall'angolo d'emergenza delle onde sismiche (Rivista Materie Prime n. 10, 10-12-1943, Roma).Google Scholar
  10. (10).
    G. Andreotti,Ricerche sulla precisione conseguibile nelle determinazioni delle profondità ipocentrali per terremoti di origine vicina (Mem. R. Accad. di Sc. Lettere ed Arti di Padova, LVI, 1939–40, Padova, 1941).Google Scholar
  11. (11).
    P. Caloi,Contributo allo studio delle onde Pg (La Ricerca scientifica, Boll. di Geod. e Geof. 1933, N. 3-4).Google Scholar
  12. (12).
    P. Caloi,Calcolo delle profondità ipocentrali in funzione della distanza epicentrale e dell'angolo d'emergenza delle onde Pg (La Ricerca scientifica, Anno 5°, vol. II, n. 3-4, Roma, 1934).Google Scholar
  13. (13).
    P. Caloi,Ricerche su terremoti ad origine vicina, Scosse del Cansiglio dell'Ottobre 1936 (Ivi, Ser. 2a, Anno IX, vol. II, n. 7–8. Roma, 1938).Google Scholar
  14. (14).
    P. Caloi,Sullo spessore dello strato delle onde Pg nell'Europa Centrale (Ivi, Anno X, vol. I, n. 7–8, Roma, 1938).Google Scholar
  15. (15).
    P. Caloi,Studio microsismico del terremoto delle Prealpi Carniche dell'8-VI-1934 (Boll. del Comitato per la Geod. e Geof. del C. N. R. Sez. 2a, Anno V, Luglio 1935, pag. 209).Google Scholar
  16. (16).
    P. Caloi,Sull'epicentro e la profondità ipocentrale del terremoto del Cansiglio del 18-X-1936 (Boll. Soc. Sism. It. XXXVII, 1939).Google Scholar
  17. (17).
    —,Ancora sull'applicabilità dei metodi macrosismici per la determinazione delle profondità ipocentrali (Ivi, XXXVIII, 1940, pag. 15).Google Scholar
  18. (18).
    —,Caratteristiche sismiche fondamentali dell'Europa centrale quali risultano dallo studio di 17 terremoti centro-europei (Ivi, XL, 1942, pag. 41).Google Scholar
  19. (19).
    A. Cavasino, Boll. sismico, Anno 1936. Macrosismi, Fasc. II, pubblicato dall'Uff. Centr. di Met. e Geof. — Roma, 1939.Google Scholar
  20. (20).
    V. Inglada,Nuevas formulas para abreviar el calculo de la profundidad aproximata del foco sismico par el método de Kovesligethy, ecc. (Pubbl. Instituto Geografico y Catastral, 1921).Google Scholar
  21. (21).
    E. Perri,Nuovo metodo di calcolo per le profondità ipocentrali (Boll. Soc. Sism. It. XXXVI, 1938, pag. 3).Google Scholar
  22. (22).
    J. Rodriguez Navarro de F.,Utilisation des Tables des temps de propagation des ondes séismiques pour profondeurs diverses (Laboratoire central de Géophysique Madrid, 1939).Google Scholar

Copyright information

© Istituto Geofisico Italiano 1946

Authors and Affiliations

  • Giovanni Agamennone
    • 1
  1. 1.Roma

Personalised recommendations