2010, pp 141-155

I tumori del cuore

Purchase on Springer.com

$29.95 / €24.95 / £19.95*

* Final gross prices may vary according to local VAT.

Get Access

Riassunto

I tumori primitivi cardiaci sono rari, con una prevalenza, nella popolazione adulta, variabile tra 0,001% e 0,5% in diverse serie autoptiche [13] e, in quella infantile, tra 0,001% e 0,28% [4], tuttavia non rappresentano un quesito altrettanto raro per l’imaging cardiaco, dovendo differenziarli dai tumori cardiaci secondari, che sono dalle 20 alle 40 volte più comuni [13] e dalle lesioni non neoplastiche, quali i trombi, molto più frequenti. I tumori cardiaci primitivi, se non trattati, sono lesioni con un’elevata mortalità e morbidità [5] indipendentemente dalla natura benigna o maligna; inoltre, tra i tumori benigni, maligni ed i trombi la prognosi differisce notevolmente quanto il trattamento che, se operato in tempo, può essere curativo o evitare una complicanza letale. La diagnosi deve essere pertanto molto accurata. Negli ultimi decenni, la continua evoluzione tecnologica delle metodiche d’imaging cardiaco non invasivo ha reso più semplice la visualizzazione delle masse cardiache, aumentando notevolmente il numero di lesioni da caratterizzare e la necessità di scelte terapeutiche adeguate [2, 3, 5].