Date: 04 Nov 2011

Il futuro delle Società Scientifiche e la Società Italiana di Medicina di Laboratorio

Riassunto

La creazione di una Società Scientifica è un momento essenziale nell’affermazione di una disciplina o di una specialità. Oggi le Società Scientifiche attraversano una crisi esistenziale legata alle mutate condizioni della medicina e della società, che mettono in discussioni i valori e i mezzi tradizionalmente utilizzati per rappresentare la disciplina o la specialità cui riferiscono. Le ragioni della crisi sono, dunque, pratiche e di sostanza e possono essere sintetizzate in: 1) comunicative, conseguenze dell’era elettronica (cyberconferenze che sostituiscono i meeting, giornali on line e open access, nuove forme di comunicazione come e-mail, blog e social network); 2) sociologiche, conseguenti ai mutamenti dell’organizzazione sanitaria (invecchiamento degli iscritti, crisi delle vocazioni, contrasto tra esigenze dei membri scientificamente attivi e di quelli non attivi); 3) culturali, che attengono ai valori disciplinari rappresentati e custoditi: la Società non aggiorna il corpus di conoscenze e competenze che connota la disciplina adeguandolo ai cambiamenti della medicina e della società; la Società non è percepita come fonte della normatività professionale nei confronti del mercato sanitario; la Società non è percepita come un soggetto forte di advocacy. Nonostante ciò, un futuro esiste per le Società Scientifiche ed è cruciale per discipline e adepti. Le condizioni per garantirsi un futuro sono legate in primo luogo alla consapevolezza di rappresentare i valori core della disciplina, alla credibilità culturale e morale e indipendenza chiaramente percepibile da industria e fornitori, al mutuo scambio leader-ship-soci per la soluzione dei problemi organizzativi e professionali e alla trasparenza, democrazia e responsabilità della leadership. Sotto il profilo pratico, le Società Scientifiche devono approntare una advocacy in termini di diffusione della vision societaria e nuove forme di networking adeguate all’era elettronica (portale, giornali, meeting), inventare ruoli per gli “emeriti” e forme di stimolo per i “giovani” professionisti e un nuovo trade-off tra membri scientificamente attivi e non attivi, attuare una formazione “close to members” per bisogni, disegno formativo, verifica degli outcome e una assistenza ai soci per la ricerca, attenta a criteri metodologici (STARD), mentoring e codici di condotta.

Summary

Since the Seventeenth Century, the birth of the scientific society has been a critical step in the success of a science, discipline, or speciality. Today, scientific societies are challenged by a membership crisis resulting from changes in medicine and society that have hit traditional values and the tools of the profession. The causes are multiple and are consequences of changes in communication in the digital era (cyber-conferences, open access journals, e-mail, blogs, social networks), sociological changes in the demography of members (ageing of members, new priorities of “trainees”, different expectations of members working in science versus non-working members) and difficulties in interpretation of the core values of a scientific society. Other areas of difficulty include upgrading the body of knowledge and skills of the discipline, independence versus the non-independence in a commercialized health-care market, promotion and advocacy of the collective professional interest in relation to the public interest. Nevertheless, scientific societies are and will continue to be critical for disciplines and the experts in those disciplines. The conditions for the continuing relevance of a scientific society are awareness of the responsibility of representing the core values of the discipline, cultural and ethical reliability, a coordinated strategy for scientifically active and non-active members, and democracy and accountability in the governance of the society. From a practical point of view, scientific societies should promote and disseminate the vision of the discipline within medicine and health-care, apply new tools for networking (meetings and journals in the electronic era), develop new roles for ageing members, offer incentives to attract new subscriptions, ensure a balance between the interests of active and those of non-active members, ensure relevance in the medical education offered to members (personalized assessment of needs, redesign of programmes, outcome measurement), provide intelligent support for research in terms of methodological criteria, offer mentoring, and implement responsible codes of conduct.

Rielaborato dalla relazione “Il ruolo delle Società Scientifiche nella formazione” tenuta al Convegno di Studio in memoria di Paolo Rizzotti LA SANITA’ VERONESE E IL SISTEMA SANITARIO DELLA REGIONE VENETO — 11 dicembre 2009, Verona.